Volontariamente grafica

Quando apri il tuo cuore/occhi/stomaco all’Africa è impossibile tornare indietro. Dopo l’ormai lontana esperienza in Senegal era necessario, se non fondamentale, rientrare in contatto e respirare nuovamente aria di vita vera. Grazie ad un incontro casuale scopro che nella parrocchia dove ho fatto comunione, e non molto spontaneamente cresima, esiste un gruppo di gente incredibile. Ebbene si. In quel posto che ho tenuto lontano per anni e che non volevo neanche sentire nominare. Lì, dove ho passato ore ed ore a chiacchierare su un muretto, proprio lì accanto, sono successe in questi anni cose pazzesche. E allora decido di affacciarmi e non resisto, non posso tirarmi indietro. Perché non si può rimanere immobili. Questa è la mia occasione per riprendere ad avere le giuste priorità, per insegnare a mio figlio che non tutto è perduto e che si può vivere molto molto più felicemente rivolgendo attenzioni in altre direzioni.

3_poster

Sui tanti progetti da realizzare inizio da uno piccolo: occuparmi della comunicazione. Come spesso succede in questi casi esistono materiali firmati da mani diverse. Un po’ tristi a dire il vero. Anche se i racconti sono tutt’altro che allegri, tento di iniziare a dare una svolta alla loro immagine. Mi sembra doveroso associare quelle foto meravigliose a segni e colori che possano rappresentare le necessità e l’essenza di questo popolo. Il mio impegno sarà anche quello di andare nelle scuole cercando di raccontare la storia di Mafuiane, dove la parrocchia di san Frumenzio è presente dal 1991 (periodo in cui il Mozambico era considerato il paese più povero del mondo). Spiegare ai bambini in modo semplice ed efficace certe problematiche sarà una bella sfida (in effetti spero di non andare da sola!). Ma riuscire a catturare l’attenzione di un adulto per più di 10 minuti lo sarà ancor di più. In questa nuova avventura chiedo a voi tutti un pensiero e una condivisione dei messaggi, per cercare di coinvolgere più persone possibile nel sostegno di questo grande sogno. Grazie.

Se vuoi andare veloce vai da solo, se vuoi andare lontano vai con gli altri. (dice un proverbio africano)

Nel caso abbiate voglia di approfondire l’argomento potete andare qui.

4_foto 5_foto 6_foto 7_foto 8_foto

 

3 comments

  • Oddiooo0000000OOOOO voglio baciare per tre ore la bimba della prima foto!! Benvenuta nel rutilante mondo dei blog mia cara, oltretutto con un argomento stupendo e importante. Ti sono vicina, e ti mando un saluto e un bacio di incoraggiamento anche dalla nostra ormai anziana Rosetta Guanciosi :-D

  • Sono fiero di essere stato il “colleghetto” della persona che sei.
    Quello che stai facendo è una di quelle realtà che hai sempre amato e il fatto di voler trasmettere e portare nelle scuole tutto quello che hai dentro, è troppo ma troppo bello.

    Se potesse esserti utile qualche aggancio di scuole nel 5° Municipio, mia madre lavora per le scuole elementari e materne.
    Ci sentiamo presto!

    • Grazie Stefano Picchio! :-)
      Assolutamente si! L’aggancio mi serve. Appena siamo pronti ti faccio sapere e magari chiamo direttamente la mitica Luana! :-)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>